cinema

martedì 24 gennaio 2012

THE 2 BEARS

WORK
THE 2 BEARS - 2012



Prima novità discografica del nuovo anno. Un duo londinese con alle spalle una manciata di canzoni si appresta al full length di esordio, previsto per il 30 gennaio. Nel frattempo hanno caricato su youtube il video del singolo Work, ghiotta anticipazione di Be strong.

Il brano è un irresistibile ritorno a certe situazioni electrodance primi Ottanta. Avrebbe potuto benissimo comporlo Vince Clarke. Niente di rivoluzionario anzi, potrebbe risultare anche banale ma non c’è niente da fare, Work mette allegria. Semplice la struttura. Breve intro con accordi e facile melodia di tastiera, entra la voce per la strofa A sul motivo dell’intro. Strofa B meno melodica e più narrante e di nuovo strofa A con evidente funzione di refrain ed intervallo con un leggero arabesco di tastiera elettronica(C). Di nuovo strofa B cantata stavolta dall’altro componente del duo seguita dai segmenti A e C. Nel finale entrano voci femminili e i tre momenti A, B e C si intrecciano e si sovrappongono. Poco più di tre minuti la durata di un pezzo che entra subito in testa.

Il testo racconta il classico spaccato inglese di giovane alle prese con un duro lavoro, le aspettative della famiglia e un amore che lo aspetta a casa. Il nine-to-five di molti working class geezers che nel chorus (segmento A) ripetono:

We gonna work, work harder
for each other for the future
my love we gonna work

Infine il video. Bellissimo. Montaggio veloce, molte le situazioni rappresentate con gente che lavora. Niente di più scontato per un brano che si intitola work. In realtà il video ci presenta ‘belle facce’, tutte sorridenti, concentrate nello svolgimento delle loro mansioni. Il video trasmette la dignità dei lavori anche umili come vendere frutta, pulire il pesce, cucire, squartare polli, fare la barba.  Scelta del bianco e nero, location urbana e piena di vita come pieno di vita e vitalità è tutto il ‘prodotto’. A questo punto aspettiamo con impazienza il 30 gennaio.


2 commenti:

  1. Non proprio il mio genere ma il video è molto bello.

    RispondiElimina
  2. ciao andrea, benvenuto negli orti

    RispondiElimina