cinema

domenica 3 marzo 2013

ANDY E LANA WACHOWSKI / T.S. ELIOT

CLOUD ATLAS
THE WACHOWSKI BROS, TOM TYKWER - 2012




Time present and time past
Are both perhaps present in time future
And time future contained in time past.
If all time is eternally present
All time is unredeemable.
What might have been is an abstraction
Remaining a perpetual possibility
Only in a world of speculation.
What might have been and what has been
Point to one end, which is always present.


I fratelli Wachowski amano il cinema concettuale. Intellettualizzano graphic novels e videogames. Per Cloud Atlas riescono a farlo con il romanzo omonimo di David Mitchell del 2004, abbondando  all’inverosimile in connessioni narrative tra gli episodi che farciscono un film che si espande fino a quasi tre ore di durata.

Nel corso della visione, a tratti faticosa, Nietzsche,  Jung, Buddha e Freud a parte, ho pensato soprattutto a T.S. Eliot e ai suoi Four Quartets.

Il film è una lunga riflessione su quanto gli individui siano destinati a ripetere e ad intrecciare le proprie linee esistenziali nel corso dei secoli. Idea affascinante, che da Platone alla mistica Zen passando attraverso l’escatologia cristiana, segna una catena che lega inesorabilmente passato, presente, futuro; il qui e l’altrove.

I sei episodi raccontati in Cloud Atlas si svilupano, infatti, dal 1800 al 2400 e il luogo delle azioni spazia dalla Terra all’universo. Gli episodi, tutti narrativamente compiuti, sono racchiusi da una cornice in cui appare il vecchio saggio ferito ad un occhio per quella che è una crasi sincretica di passato e futuro che ribadisce il tema di fondo del film.

Ma per affermare il concetto che tutto ritorna e che tutto è connesso, lo sforzo registico e il conseguente prodotto finale risultano eccessivi. Va però detto che siamo di fronte alla forza immaginifica del cinema e, come sempre, la visione di un film dei Wachowski, qui assieme al regista tedesco Tom Tykwer, è sempre stimolante e spettacolare.


And piece together the past and the future,
Between midnight and dawn, when the past is all deception,
The future futureless, before the morning watch
When time stops and time is never ending

3 commenti:

  1. penso proprio che mi piacerà. grazie e ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao anto, non dirmi che anche tu hai votato grillo...

      Elimina