cinema

mercoledì 29 maggio 2013

DAFT PUNK

SCORCIATOIE DISCOGRAFICHE
1997 - 2013




Certi fenomeni di intrippamento globale sono difficili da comprendere.  Non si spiega l’aura che emana il duo parigino dei Daft Punk: battage e lancio da superstar, critici in estasi, isteria dei consumatori, impazzimento collettivo. Se guardiamo con un certo distacco, ci accorgiamo che i Daft Punk sono ben poca cosa.  Quattro album in studio tra il 1997 e il 2013, nessuno dei quali memorabile. Noiosissimo il singolo che li ha lanciati, Da Funk, una techno dance che sfrutta inserimenti stranianti, voci, rumori, abbassamenti di volume, soliti trucchetti comunissimi nella musica d’avanguardia degli anni Settanta. Ma il primo album fa il botto e lancia un altro personaggio iperoverrated, il regista Gondry, autore del celebratissimo video di Around the world. Nel 2001 esce Discovery che contiene le uniche cose degne di nota dell’intera produzione del duo. Si tratta dei singoli One more time e Digital love. Due bei pezzi ma non certo da far ascendere l’album a disco del decennio (vedi Onda Rock!). Il passaggio successivo è un saltare il giro perché Human after all non lascia traccia. Così si giunge a RAM di quest’anno. Evento musicale e mediatico, il disco non è altro che della datatissima dance che ripropone quello che facevano sul finire degli anni Settanta due musicisti come Nile Rodgers e Giorgio Moroder. Ovviamente va detto che gli originali sono di gran lunga migliori delle copie intellettualizzate dei Daft Punk. Già che c’erano potevano recuperare anche Michael Cretu in fusion con i Delegation, ma per il musicista rumeno aspettiamo il prossimo album.

Su Nile Rodgers però bisognerà tornarci.

3 commenti:

  1. gruppo mediocre se ce n'è uno..

    RispondiElimina
  2. Direi che c'è una mancanza e che questa sia riempita e compensata da una divinizzazione di quello che c'è. Il bisogno ossessivo del buono a tutti i costi quando non ce n'è.
    Il problema è che avviene anche in altri campi, letterario, cinematografico, filosofico.
    Alla fine si ripiega sull'antico.. una gran bella nicchia.
    Saluti.

    RispondiElimina
  3. ragazzi, siamo d'accordo. intanto i francesi sono primi in tutto il mondo! e i critici danno voti altissimi. non me ne faccio una ragione.
    saluti

    RispondiElimina